1 ottobre 2012

Sent

Ciao papà,
grazie per la chiamata.

Scusami, il treno è partito, e la linea è caduta prima che ti riuscissi a salutare.
Ti chiamo mercoledì e ci organizziamo per la cena.
Sono felice di vederti.

Però papà come ti dicevo al telefono...
Non è corretto, nè formalmente nè simbolicamente, chiedermi se dormo dalla mia "amica". Cosa ovviamente già successa un paio di volte in passato.

E non è giusto non ricordarti, o fare finta di non ricordarti, il nome della persona che mi sopporta da circa 30 mesi.
E non come amica.

Il suo nome lo sai benissimo, e se davvero non lo ricordi prova a fare mente locale prima di chiamarmi (ti capita mai di non ricordare il nome del ragazzo di mia sorella?).
Se proprio non ti venisse, puoi sempre chiamarla ragazza, fidanzata, partner...
Amica, no.

E' una questione di rispetto, mia, sua e tua.
Ti prego di non dimenticarlo.

2 commenti:

Lilyum ha detto...

Giusto, assolutamente giusto.

kirsebær ha detto...

Vero, giusto!!