25 aprile 2013

Amen


Arrivati a un certo punto, anche il mio cugino di 4 mesi si prepara a ricevere il sacro dono del battesimo.

E per qualche causa sconosciuta, io, disinteressatamente anti-cattolica, poco credente e poco fedele, sono stata designata madrina.

Padrino è l'amico del padre. I dati su di lui sono ancora pochi, eppure pare abbia una solida carriera, una moglie alle spalle, e circa 55 anni. Molisano.

La nonna, mia e del cugino, si frega le mani.
Si sa, madrina e padrino sono naturalmente selezionati per condividere più di una messa. 

Come non sfruttare questa occasione di comunione?
"E' un buon partito, una cara persona, amico del padre... Vedrai, vedrai...", continua a ripetere.

Sarà una lunga, lunga giornata.

2 commenti:

Raffaele Ibba ha detto...

Per un cristiano "interior" e "urban" resta misteriosa la scelta dei padrini, specie per un battesimo di adulti, se non ho capito male. La messa indispensabile è solo quella del battesimo, poi ci sarebbe l'accompagnamento in Gesù Cristo. Ma qui mi pare che tu abbia difficoltà.
Affida tutto alla vita e vedi cosa succede. Gesù è assai simpatico e dolce. ciao r

Raffaele Ibba ha detto...

Avevo letto male. 4 mesi è l'età giusta del battesimo. Resta il fatto che la madrina vien scelta per ragioni poco "di Gesù Cristo", ma per ragioni molto di parentela.
Vale il consiglio di prima e il fatto che la messa da condividere è solo una. ciao r