9 maggio 2012

Wrum

Questo maggio corre, e io gli corro appresso.
La pioggia, meno male, raffredda i motori.

Corro in un nuovo ufficio dove non c'e' tempo per respirare.
Scrivo come se non ci fosse un domani, sapendo che ogni parola non apportera' il minimo cambiamento al mondo. Le adoro comunque.

Corro verso aeroporti per partire e tornare prima che il giorno sia cambiato.

Corro verso piscine ghiacciate, dove abiutare le chiappe al freddo della vita.
Pigio sui pedali per scaldarmi, poi, che tanto so che il calore, a maggio, te lo devi meritare.

Londra in primavera, sotto la pioggia, e' bellissima.

9 commenti:

Ele ha detto...

allora dovrai convincere anche a me :)

Gaia ha detto...

Dai che un po' ti ho già convinto... :D

a lesbian ha detto...

Parli di freddo e il giorno dopo finalmente riesco a mettere la prima t-shirt di stagione. Non mi interessa se piove, mi interessa stare in maglietta fuori per almeno tre mesi l'anno senza rischiare la polmonite.
Sono un chiaro caso di low expectations.

Gaia ha detto...

Ma quante siete nella fredda Londra?

patalice ha detto...

...io no purtroppo... però vi invidio...

a lesbian ha detto...

Troppe. Se andiamo di questo passo a breve accanto ai Polski sklep sorgeranno gli alimentari italiani.

Gaia ha detto...

E tu lesbian ndò stai che fai?

a lesbian ha detto...

Sto nella ridente Wood green. Che faccio me lo chiedo spesso e spesso non so rispondermi. Immagino che la risposta classica possa essere studio e sopravvivo.

Gaia ha detto...

Wood green?
Dai su, compari nella più ridente soho...
Scrivimi a gaia.diecipercento@gmail.com...