12 luglio 2011

A

Sarò cattiva.
Ma non ce la faccio.

Insensibile, antiemozionale, egoista soprattutto.
Maleducata a tratti, rude senz'altro.

Ma quando la ex chiama, e io rispondo, non so cosa dirle.
Resisto con grazia all'istinto di attaccare.

Parliamo lingue diverse, abitiamo nello stesso paese.
Pochi chilometri, per pochi giorni ancora.

Una persona che non conosco, non riconosco, che ho amato per due anni.
L'amicizia tra di noi non puo' esistere.
Ma neanche la frequentazione educata e un po' distante dei buoni vicini che mettono il sale in comune e commentano le previsioni meteo.

9 commenti:

Anonimo ha detto...

e tu non rispondere ;)
(anche se giustamente può risultare maleducato)
K.

kirsebær ha detto...

ma quanto è difficile lasciarsi? a me sembra che noi donne non lo si riesca bene a fare..

Anonimo ha detto...

@kirsebær
come ti do ragione, ma come sempre ci sono casi e casi.
donne = danni. sempre detto
K.

Gaia ha detto...

Lasciare qui non e' in discussione, gia' successo con successo.
Il problema e' chiudere la porta in faccia a una persona che per te e' stato pezzetto di cuore in passato.
Come si fa?

kirsebær ha detto...

domandona direi...come si fa? ..si fa? Sì, sì, lo so, a volte non si può fare altro. Forse bisogna solo tenerla nel cuore e fare un passo avanti, piccolo, poi un altro e un altro ancora. Senza rabbia (se la situazione lo consente).

Gaia ha detto...

No, ma vedi, il fatto e' che qui rabbia ce n'e' poca. Pure sentimento. Piuttosto disinteresse.
Noia nella conversazione.
E' solo triste sia cosi'.

Anonimo ha detto...

26 ..e da un bel pò
A.

Gin ha detto...

Io non rispondo quasi più. Aver avuto una storia, provare ad essere amici e non riconoscersi non è facile. Quando ci telefoniamo vorrei non parlare, ma non so perché rispondo. Ma a lungo andare si è una formato un certo gelo tra noi. :)

Nuur ha detto...

quanto ti capisco, porca paletta